Lettera del mese

Qand i copàa èl sì

L’era asé ‘na us:” curì…ì còpa èl sì.
D’enturen da löch, stale e contrade,
riàa curius, de ul, èn ròs de gnari,
i piö picinì èn bras a le so mame.
Per èn spetacol d’engremì la pel.

Sota èn portèch, tacàt a ‘na tresera,
pindìa le corde endo, spartit per mès,
i ligàa èl sì, nüd nüdent, zamò pelat.
L’era èn patibol per giü, chè poarì,
èl ghìa sul ‘na culpa:d’eser bu fés!

Sura èn gran föch de paia e de fasine,
buìa l’aiva d’èn paröl, töt ströt de calì.
Spiegaa el copadur:”  chesti i’èl cör
e la corada, con gamisel de bodèi”.
Del sì cari i me sc’èc’ sa böta via niènt.

On an, sere picinina, fiocàa de lena
e la nef,col föm le fiame e le falìe,
la sterluzìa töta, istès de n’aparisiù.
Èl sì, capìt chè per lü l’era finìda,
via a scapà, ma l’è subit sprofondat.

Apena i l’ha riat e i g’ha scanat èl cör,
s’è slargat cald èl sanch èn fond a l’ era,
co ‘na macia rossa, che someàa viva,
èn mès a töt chèl bianch stindìt èn tera,
èn mès al bianch, chè ignìa zo dal ciel.

Candida Gottardi

Candida Gottardi - Gennaio 2019

Grègia de sfrüs, spösa de bu dei me ch’endré,
proibìda pès d’èn pecat mortal fàda de niscus,
co pai e sentinele a palezà él rià de finansì.
Östa turculàt, nèl paröl leàa èl boi presac’,
göse, grate , raspoi,  coi vinasöi e vi gaiard,
sura, èn coèrc’ ben sigilat da ‘na ma de gès,

Con föch fiame e calur svapuràa l’alcool,
abelasine ‘nde ‘na serpentina freda de ram.
Po’ tacàa èl lambèch a sgusinà e sgusulà.
Nàa dré al nas n’aria gazada, ch’ènciochetàaaa,
a tastala mancàa él fiat, bruzaa öc e bödei
‘na mesciansina de saur, faa desgropà le ene.

Spirit de vi, aiva de föch, midizina e rimede.
Gregia! Regal per desmentegà crüssi e magù.
Apò i poarècc’, i sa sintìa  subìt siori e padrù.
Candida Gottardi

 

Grappa di frodo

Grappa di frodo, profumo della mia infanzia/più proibita di un peccato mortale,, fatta di nascosto/ con pali e sentinelle a denunciare l’arrivo dei finanzieri./ Appena torchiato, nel pentolone bollivano pressati: bucce, graspi, raccimoli con vinaccioli e vino forte/  sopra, un coperchio ben sigillato con una mano di gesso.

Con fuoco fiamme e calore, evaporava l’alcool/ adagio, in una serpentina raffreddata di rame./

Poi cominciava l’alambicco a gocciolare./ Saliva lungo le narici un’aria satura di gas che ubriacava/ ad assaggiarla toglieva il fiato, bruciavano pancia e occhi/ una mistura di sapori, faceva sciogliere le vene.

Spirito di vino, acqua di fuoco, medicina e rimedio/ Grappa!Regalo per scordare crucci e dispiaceri/ Anche i poveri, si sentivano subito ricchi e padroni.

 

Candida Gottardi - Novembre 2018

La vita è come una giostra : … gira.
In ogni giro c’è qualcosa di nuovo.   
La vita è qualcosa di indescrivibile,
è fatta di momenti, di tante cose,
un insieme di attimi ed emozioni.
La vita è una composizione
di sensazioni , brividi e sogni.
Devi viverle per dire
di aver vissuto.
Per ogni giro c’è una sorpresa,
ogni sorpresa sarà un’emozione.
Se saprai viverla
avrai vissuto, veramente.
Ad ogni giro lascerai
un’impronta di te.
Il tuo vivere quotidiano
è l’impronta che lasci.
Il detto e fatto
resteranno scritti
al di là del tempo.
L’amore vissuto
non svanirà nel tempo.
I sogni sognati da bambino
si evolveranno e

diventeranno traguardi di adolescenti.
Li ricorderai da vecchio,
ti racconteranno per anni
quello che un giorno eri;
saranno la risposta al tuo essere.
La vita, una ruota che non si ferma mai.
Non si fermerà davanti alla gioia,
neppure davanti al dolore.
Andrà avanti, anche quando vorrai fermarla,
andrà avanti con o senza di te.
Conserverà nel tempo
l’impronta di chi vivendo
ha raccontato la sua storia.
Anche tu sei parte di questa ruota che gira
Oggi gira con te,
domani girerà ancora
con i ricordi che hai lasciato.SILVANA   STREMIZ 

silvana stremiz - ottobre 2018

Nella pieve di Piedeldosso possiamo ammirare un’ opera antichissima,dall’ origine misteriosa.
Riutilizzato impropriamente in forma di pulpito, prende il nome dalla scritta  “Mavi orans”,scolpita sulla lastra più grande.
Attribuito all’epoca longobarda (Sec. VIII) reca tracce anche di arte bizantina, cristiana e celtica.
Non si sa da dove provenga o se è stato costruito in loco.
Era forse un altare, un sarcofago, un fonte battesimale? Una leggenda metropolitana sussurra che la parte o le parti mancanti si trovino presso qualche famiglia gussaghese o bresciana.
Non è facile per noi capire il significato di questo affollamento di animali simbolici. I longobardi in arte, avevano paura dei vuoti(Horror vacui).
Qui raccontano forse, una storia riferita al piccolo e sgraziato cavaliere che appare raffigurato di lato (Un re, un duca, un sacerdote?).
Questo manufatto è stato esposto nell’anno duemila in Santa Giulia dove venne allestita la mostra “Il futuro dei Longobardi”.
E’ stato un’eccellente pubblicità per il prestigio del nostro paese.
  
Candida Gottardi
 

Candida Gottardi - Luglio/Agosto 2018