Grègia de sfrüs

Grègia de sfrüs, spösa de bu dei me ch’endré,
proibìda pès d’èn pecat mortal fàda de niscus,
co pai e sentinele a palezà él rià de finansì.
Östa turculàt, nèl paröl leàa èl boi presac’,
göse, grate , raspoi,  coi vinasöi e vi gaiard,
sura, èn coèrc’ ben sigilat da ‘na ma de gès,

Con föch fiame e calur svapuràa l’alcool,
abelasine ‘nde ‘na serpentina freda de ram.
Po’ tacàa èl lambèch a sgusinà e sgusulà.
Nàa dré al nas n’aria gazada, ch’ènciochetàaaa,
a tastala mancàa él fiat, bruzaa öc e bödei
‘na mesciansina de saur, faa desgropà le ene.

Spirit de vi, aiva de föch, midizina e rimede.
Gregia! Regal per desmentegà crüssi e magù.
Apò i poarècc’, i sa sintìa  subìt siori e padrù.
Candida Gottardi

 

Grappa di frodo

Grappa di frodo, profumo della mia infanzia/più proibita di un peccato mortale,, fatta di nascosto/ con pali e sentinelle a denunciare l’arrivo dei finanzieri./ Appena torchiato, nel pentolone bollivano pressati: bucce, graspi, raccimoli con vinaccioli e vino forte/  sopra, un coperchio ben sigillato con una mano di gesso.

Con fuoco fiamme e calore, evaporava l’alcool/ adagio, in una serpentina raffreddata di rame./

Poi cominciava l’alambicco a gocciolare./ Saliva lungo le narici un’aria satura di gas che ubriacava/ ad assaggiarla toglieva il fiato, bruciavano pancia e occhi/ una mistura di sapori, faceva sciogliere le vene.

Spirito di vino, acqua di fuoco, medicina e rimedio/ Grappa!Regalo per scordare crucci e dispiaceri/ Anche i poveri, si sentivano subito ricchi e padroni.

 

 
  • 22 ottobre 2018

I commenti sono stati chiusi.